«

»

apr 26 2014

SBK Assen Superpole: prima pole per Loris Baz

Loris Baz in pole
Ci ha messo del suo la pioggia, ma Loris Baz non ha per nulla demeritato la conquista della prima pole position in carriera nel Mondiale Superbike. Campione Europeo Superstock 600 nel 2008, promosso dal team ufficiale Kawasaki nel WSBK a 2012 in corso per sostituire lo sfortunatissimo Joan Lascorz, il talentuoso pilota francese nella sua breve esperienza nella serie iridata ha concretizzato progressi sensazionali ribaditi in questo primo scorcio di stagione da una sequenza di tre podi consecutivi ed il secondo posto provvisoria nella classifica a soli 4 punticini dal compagno di squadra e Campione del Mondo in carica Tom Sykes. Protagonista sin dalle prove libere, il vincitore del Bol d’Or 2013 nella decisiva “SP2″ ha staccato il miglior riferimento cronometrico in 1’34″357 giusto in tempo prima dell’avvento della pioggia a 3 minuti dall’esposizione della bandiera a scacchi.

Prove, di fatto, concluse anzitempo per tutti, prima pole in carriera per Baz che lascia così a 488/1000 il connazionale Sylvain Guintoli, secondo con la Aprilia RSV4 Factory arpionando un posto in prima fila insieme a Tom Sykes, terzo e staccato di quasi 1″ dal giovane compagno di squadra. Nelle prime quattro poizioni si registra un’alternanza tra i team ufficiali di Kawasaki e Aprilia con Marco Melandri, “promosso” alla SP2 passando per la “tagliola” della SP1, qualificatosi in quarta piazza a precedere nell’ordine Jonathan Rea (Pata Honda Ten Kate) e Davide Giugliano, sesto con la Ducati 1199 Panigale R ufficialmente schierata dal Ducati Superbike Team.

Aprirà la terza fila nelle due gare in programma domani alle 10:30 e 13:10 il “poleman” della classe “EVO” Niccolò Canepa, come nelle FP3 settimo assoluto con la Ducati 1199 Panigale R dell’Althea Racing, meglio delle Crescent Suzuki di Eugene Laverty (8°) e Alex Lowes (9°) più Toni Elias (10°), Leon Haslam (11°) e Chaz Davies, dodicesimo e “promosso” dalla SP2.

Escluso nella decisiva sessione invece Leon Camier, 13° e 2° della classe “EVO” con la S1000RR di BMW Motorrad Italia ereditata dall’infortunato Sylvain Barrier, a seguire Ayrton Badovini porta la Bimota BB3 “EVO” del Team Alstare in 14°, meglio rispetto alla MV Agusta F4 RR condotta da Claudio Corti (17°) e Luca Scassa, 20°.

 

FONTE: bikeracing.it